Paola Vanazzi

Paola Vanazzi: dall'architettura  al gioiello contemporaneo

Architetto di formazione, Paola sembra avere trovato la sua strada espressiva imboccando un percorso alternativo e affatto scontato dopo gli studi universitari. Diventa jewel designer per passione e riesce ad uscire dall'idea di gioiello di classe legata, tradizionalmente, all'uso dei metalli e pietre preziosi, si mette alla prova con materiali più semplici e leggeri, come l'acciaio, il cristallo, la plastica e le resine. Materiali che però sanno essere portatori, se ben interpretati, di modernità e ricercatezza. La scelta di questi materiali si sposa con l’idea progettuale che riscopre le forme pulite, si potrebbe dire limpide, che partono sempre da una base geometrica elementare.

Evidentemente la formazione da architetto influenza le sue creazioni: avendo passato anni a progettare partendo dalle geometrie più semplici, quando si trova a disegnare gioielli ripercorre le medesime traiettorie creative, ricercando forme chiare e raffinate perché nitide, convinta, come dice, che "la bellezza stia nella semplicità".

Paola crede nel suo progetto e comincia a disegnare gioielli usando gli strumenti tecnici ai quali è, per formazione, abituata: Autocad in particolare. Nasce in questo modo un tipo di gioiello 2.0. Un gioiello contemporaneo che combina l'idea che sempre (e per fortuna) sta dietro (ma anche dentro) un progetto al vantaggio, tutto tecnologico, di poter toccare da subito con mano il prodotto finale. Infatti grazie a stampanti 2D e 3D può avere non solo un prototipo del pezzo in breve tempo ma può anche apportare modifiche più velocemente.

Da qui inizia il cambio vita, la formazione da architetto di Paola la porterà naturalmente verso la produzione di gioielli artigianali e accessori di moda. Con uno scatto di intraprendenza e coraggio, crea il suo marchio, cerca fornitori e collaboratori e si costruisce una rete di professionalità che le consentono di produrre veri pezzi di design prêt-à-porter.  Il marchio, seFem design, nasce quasi per scherzo: per chi comprende il dialetto delle sue zone (gravita tra Lodi e Crema), "seFem" significa infatti "cosa facciamo?". Sembra una battuta, ma bene si addice allo spirito e all'ironia di Paola. Cosa facciamo? Sicuramente non ci lasciamo vivere, non ci accontentiamo, non ci appiattiamo, non ci omologhiamo. La risposta a quel "cosa facciamo?" sono proprio le sue collezioni di gioielli che, lo si capisce ad una prima occhiata, sono proprio per quelle donne che non si accontentano, non si appiattiscono, non si omologano. (StyleUp - Anna Pizzamiglio)

CONCEPT: lo studio delle geometrie ed il gioiello di design

SEFEM design nasce nel 2013. Trae ispirazione dalla tradizone degli antichi mestieri con l’obiettivo di lanciare un nuovo stile nel mondo degli accessori. Nuove linee architettoniche ed il design puro ed essenziale danno vita a piccole e raffinate sculture. Un gioiello contemporaneo che racchiude in sè la qualità di un artigianato all'avanguardia e tecnologico.

La formazione da architetto di Paola la porta a dare vita ad oggetti che nascono dallo studio delle forme e delle linee geometriche. Da qui nascono le ultime collezioni. Grazie ad un design che crea dei gioielli unici nel loro stile essenziale ma allo stesso tempo sofisticati, Sefem Design si distingue nel panorama dei giovani designer. Al momento produciamo collezioni in oro e argento, ma la forza creativa di Paola non si ferma e riserverà sorprese per il futuro.